L’arte è una caramella allo Spazio Teatro No’hma (Milano) il 6 & 7 marzo 2024

L’applaudita stagione “In Viaggio” dello Spazio Teatro No’hma (Milano) prosegue la sua articolata proposta artistica con lo spettacolo L’arte è una caramella che andrà in scena mercoledì 6 e giovedì 7 marzo alle ore 21.

In tema con il titolo della stagione 2023/2024, lo spettacolo propone un coinvolgente viaggio nella storia dell’arte che parte da Monna Lisa per arrivare ai giorni nostri.

Il titolo è stato ispirato da un mucchio di caramelle esposto in un museo d’arte contemporanea. 

“Non capendo mi sono domandato: perché un mucchio di caramelle è un’opera d’arte? Per scoprirlo ho cominciato un lungo viaggio attraverso la storia dell’arte. Lo spettacolo è il riassunto di quel viaggio” – spiega Carlo Vanoni, ancora una volta nella duplice veste di autore e di attore “atipico”, come è solito definirsi. 

Vanoni, chitarrista, storico dell’arte, dottore in sociologia dei mass media e in conservazione dei Beni culturali, torna così sul palcoscenico di via Orcagna dopo il successo dello spettacolo Ratamacue, Storia di arte per voce e batteria, che lo scorso marzo per la stagione Tutti insieme possiamo lo ha visto in scena con il musicista Phil Mer.

Il racconto che dà vita a L’arte è una caramella ha inizio da capolavori come l’Olympia di Edourd Manet e l’Autoritratto di Vincent Van Gogh. Carlo Vanoni alterna e mescola linguaggi, accosta Raffaello a Lucio Fontana, Leonardo da Vinci a Andy Warhol, ricorrendo all’aiuto di strumenti musicali e oggetti: una tastiera per accompagnare il pubblico nella pittura astratta di Kandinsky; la chitarra elettrica quando sullo schermo appare un dipinto di Jackson Pollock; un carillon per Picasso e un orinatorio per Duchamp e gli artisti concettuali.

“Abbiamo voluto di nuovo con noi Carlo Vanoni per la sua capacità di accompagnare con sensibilità, ironia  e intelligenza il pubblico attraverso correnti e movimenti artistici differenti. Il risultato è una lezione-monologo senza retorica, divertente, ricca di sorprese, che offre stimoli e strumenti per scoprire e amare i capolavori e i grandi protagonisti della storia dell’arte” – spiega Livia Pomodoro Presidente dello Spazio Teatro No’hma Teresa Pomodoro. 

Lo spettacolo sarà trasmesso in streaming sui canali del teatro.

L’ingresso è gratuito con prenotazione obbligatoria. Per informazioni consultare il sito www.nohma.org o scrivere a nohma@nohma.it.

Spazio Teatro No’hma

Stagione 2023/2024 – In Viaggio

L’arte è una caramella

A solo da Monna Lisa ai giorni nostri

di  e con Carlo Vanoni 

regia Gian Marco Montesano

Audio e luci Ivan Azzetti 

Immagini e video Luca Condorelli 

16/3 UMMbelievable @ Social Room – Brescia. In console Gianluca Motta e Nicola Veneziani

Il 16 marzo ’24 al Social Room di Brescia prende vita UMMBelievable, il primo party firmato UMM, storica label house italiana guidata da Gianfranco Bortolotti, il creatore di Media Records. Se non sono molte le etichette musicali nel mondo in grado di proporre party, in Italia il primo evento UMMbelievable, è davvero una bella notizia. Perché significa evoluzione, prima di tutto musicale. 

Il nome dell’evento è un gioco di parole tra il nome della label UMM (che sta per Underground Music Movement) e unbelievable, parola che in inglese vuol dire incredibile. E il sound sarà davvero unico, sperimentale, interpretato da dj di livello assoluto come Gianluca Motta e Nicola Veneziani, capaci di far scatenare chiunque.

Come dicevamo, si tratta di un evento in versione beta, tutto da scoprire. Per cui è giusto lasciare un po’ di spazio al mistero… e al ritmo. Non prima di aver riassunto tutta la filosofia di UMMbelievable.

Elevare l’Esclusività nei Paesaggi Sonori Sperimentali” beta 1.0 UMMBelievable incarna lo spirito creativo e pionieristico di UMM, offrendo un’esperienza trascendentale all’incrocio tra musica e innovazione. Faro della House Music Italiana, UMM ha esplorato sonorità sin dalla sua nascita. Questo evento esclusivo BETA 1.0 va oltre la celebrazione; testimonia l’impegno di UMM nel ridefinire la musica elettronica. Curato dagli artisti visionari di UMM, UMMBELIEVABLE invita gli ospiti in un viaggio uditivo, dove ogni battito risuona con la libertà creativa e la diversità sonora per un’odissea sonica indimenticabile. Benvenuti nell’UNDERGROUND MUSIC MOVEMENT, dove la musica è in costante evoluzione.

16/3 UMMbelievable @ SocialRoom

Via Della Ziziola 105 Brescia

Ingresso 20€ con consumazione

Tessera ARCI 10€ (obbligatoria)

Il mondo Media Records / UMM è in ebollizione per cui chi ama la musica dance può aspettarsi bella novità, in ambito discografico e non solo. UMM è una delle più storiche label italiane. UMM sta per Underground Music Movement. Fondata originariamente a Napoli da Flying Records nel 1991, è stata una delle prime label italiane a pubblicare musica house e progressive. Nel 1997 UMM entrò nell’universo Media Records, dov’è tutt’ora, grazie al rilancio 2023-2024 firmato Gianfranco Bortolotti, il creatore di Media Records e Gianluca Motta dj producer con all’attivo tante hit e mille serate, nel ruolo di label manager e coordinatore artistico del progetto.

Tra i classici del catalogo UMM ci sono quelli firmati da miti come i Daft Punk. Nel 1994 UMM pubblicò infatti in Italia un vinile che conteneva due diverse versioni di “The New Wave” e due di “Assault”. Tra i primi successi del nuovo corso, ecco la versione di “Mas Que Nada” firmata da Samuele Sartini, supportata da top dj come Fisher e James Hype e pure il remix di “Touch Me” dei 49ers curato da Nicola Zucchi, che sta facendo ballare il mondo nei dj set e nei radioshow di Bob Sinclar.

Gianfranco Bortolotti, da sempre GFB, negli anni ’90 ha portato al successo suoi progetti dance nel mondo (Cappella, 49ers, Antico, etc), ha creato il mito dei top dj (Mauro Picotto, Gigi D’Agostino, etc). Prima, questo se lo ricordano in pochi, è stato pure socio di un certo Claudio Cecchetto con la Marton Media, lanciando artisti come Molella, Fargetta e tanti altri. Roba vecchia, dirà qualcuno, sbagliando. Perché GFB ha anche lanciato artisti di successo recentemente, Mr. Rain ed Il Ghost su tutti.

UMM su Instagram

https://www.instagram.com/umm_mediarecords/

31/03 Joseph Capriati x Easter Event al Bolgia – Bergamo

Al Bolgia di Bergamo, tempio dell’elettronica sull’A4, la Pasqua elettronica suona molto forte. In console, il 31 marzo 2024, arriva Joseph Capriati, una delle poche vere star italiane quando si parla di musica, non certo solo di musica elettronica. Perché il fenomeno Capriati è globale. Al Bolgia prende vita Easter Event, evento che va avanti fino alle 8 del dell’1 aprile. E’ un party speciale, attesissimo, da chi frequenta il top club di Bergamo e dai tanti fan di questo scatenato artista.

Partenopeo, Capriati è un top dj che viaggia ormai sui 750mila follower su Instagram. Uno che, da quando aveva 11 anni, passa lunghe ore in studio di registrazione per affinare e personalizzare sempre più il suo suono ed il suo stile. Ad oggi, non esistono top club o festival in cui non si sia esibito. Ultra a Miami, Time Warp a Mannheim, Berghain a Berlino, Amnesia a Ibiza… e ovviamente Bolgia, a Bergamo.

Non si ferma mai, perché il suono di Capriati è trasversale e imprevedibile, unico in poche parole. Nel suo album “Metamorfosi” ha ospitato leggende come Louie Vega, Eric Kupper e Byron Stingily. E a metà tra house e techno è pure l’interessante remix che ha da poco pubblicato per una super produzione come “Homebase”, di Uto Karem, nella raccolta pubblicata per i 15 anni di vita di Agile Recordings.

 Il tour de force in console di Joseph Capriati, di casa ovunque nel mondo, prosegue serrato con Time Warp Mannheim, il 5 aprile 2024, al Maimarkthalle, in Germania. In sintonia con il suono di Capriati è quello duo Artslaves, composto dagli italiani Alex & Dom, anche a capo dell’etichetta Moan Recordings. Chiudono il cerchio, in Club Room, Andrea Abbate e Simon T.

Per Easter Event, organizzato in collaborazione con Momento Lab, il 31 marzo 2024, al Bolgia di Bergamo si balla pure nella Garden Room, giardino elettronico del top club sull’A4 dove va in scena uno showcase propio a cura di Momento Lab. Infine, nella Lab Room, ecco il sound del futuro, ossia quello del party Groovers. Il Bolgia apre alle 23.30 e si va avanti fino alle 8 del mattino di lunedì 1 aprile 2024.

L’appuntamento di domenica 31 marzo 2024 al Bolgia di Bergamo con Joseph Capriati è soltanto l’ennesimo di assoluto livello. Qui si sono esibiti, infatti, super dj come Nico Moreno, I Hate Models, 999999999, Deborah De Luca, Indira Paganotto, klangkuenstler, Wade, Trym, Pawsa, Cloonee, Reinier Zonneveld, Bossi, Ilario Alicante, Len Faki, Ellen Allien e Métaraph, Franchino e tanti altri.

31/03 Joseph Capriati x Evento di Pasqua @ Bolgia – Bergamo

https://www.bolgia.it/josephcapriati/

Bolgia – Bergamo

via Vaccarezza 9, Osio Sopra (Bergamo) A4: Dalmine

info: 338 3624803

8/3 The Cube Guys fanno ballare Lumen c/o Barlume – Marina di Carrara

Venerdì 8 marzo 2024 Lumen @ Barlume – Marina di Carrara, il party che iniziare il weekend con il giusto stile grazie al sound e all’organizzazione di SaintPaul Dj, ospita due artisti italiani attivi in tutto il mondo. Roberto Intrallazzi e Luca Provera, The Cube Guys, quando sono sul palco riescono a coinvolgere ogni tipo di pubblico. Lumen @ Barlume – Marina di Carrara inizia come sempre all’ora dell’aperitivo e si conclude a tarda notte.

THE CUBE GUYS è un progetto discografico nato nel 2005, dalla collaborazione di due dj produttori: Roberto Intrallazzi e Luca Provera. 

Due artisti molto diversi tra loro, per background e per formazione, accomunati dallo stesso amore per la musica e dallo stesso desiderio di creare qualcosa di nuovo, decidono di mettere in comune le proprie esperienze e conoscenze per dedicarsi ad un progetto discografico internazionale. 

La carriera musicale di Roberto Intrallazzi inzia negli anni ’80 quando, giovanissimo, fonda gli F.P.I. Project, progetto dance ‘made in Italy’ di grandissimo successo, con cui tra la fine degli anni 80 e l’inizio dei 90, ha conquistato le classifiche di tutto il mondo. Il loro ‘Rich in Paradise’ è stato considerato da più parti una delle primissime produzioni house music. 

Nel 2000 Roberto Intrallazzi incontra Luca Provera, dj and producer. 

Luca produrrà insieme al contributo di Intrallazzi più di 200 tracce. L’esperienza radiofonica unita a quella da studio lo renderà velocemente padrone delle più moderne tecniche utilizzate nel campo musicale. Oltre ad essere un grande produttore è anche considerato uno dei dj più alternativi del panorama Italiano, vanta grandi locali e importanti manifestazioni live a contatto con artisti e produttori Pop. 

“Suoniamo con grande attenzione rivolta al pubblico che abbiamo di fronte. Molti Djs non si pongono questo problema suonando quello che vogliono. Per noi la sfida e’ quella di creare un grande ‘vibe’ al’ interno di ogni locale” 

I The Cube Guys vantano un portfolio di Clubs come la residenza estiva allo Space di Ibiza, al Cielo di New York, ed allo Space di Miami. Numerose le gig in ogni angolo del pianeta!

La loro esperienza nei più importanti eventi li porta a conoscere molto bene come gestire e condurre musicalmente serate di grande importanza. 

La loro predisposizione nel saper creare momenti magici e di grande atmosfera sono solo alcune delle loro grandi caratteristiche. 

I The Cube Guys sono sempre molto impegnati come A&R della loro label CUBE Recordings oltre a progetti differenti e collaborazioni con le più importanti etichette mondiali. 

The Cube Guys ed il loro claim e format #CUBED! girano il mondo grazie anche al continuo e prezioso contributo di nomi quali Mark Knight, Pete Tong, Fatboy Slim, Bob Sinclar, David Penn, Dave Morales, Hector Romero, Roger Sanchez e tanti altri dei maggiori deejays. 

Una delle ragioni del loro successo viene dal continuo supporto di gran parte delle release discografiche e remix firmati The Cube Guys, che selezionati e licenziati dalle più impotent labels. rendono il loro ‘tocco’ uno dei più richiesti ed apprezzati nel panorama musicale attuale. 

PHOTO HI RES

https://www.dropbox.com/scl/fi/h03mmf7cgohw8iw5lcpw0/THE-CUBE-GUYS-Photo-Live-1-2.jpg?rlkey=3bfvm0r64xnpzlrjzex5vkdpl&dl=0

Lumen, ogni venerdì, dillo solo a tuoi migliori amici

@ Barlume – Marina di Carrara (MS) Viale A. Vespucci 4.

Dalle 19:30 Aperitivo servito (su prenotazione)

Da mezzanotte, club & drink 10€. E’ gradita l’eleganza.

Tavoli Aperitivo, Club, Info: 392 1161616

///

Lumen è un modo davvero coinvolgente di vivere il venerdì, la serata che chiude la settimana di lavoro e finalmente dà il via al weekend. Dalle 19 alle 2 di notte, il divertimento è assicurato. Non è certo necessario aspettare le ore piccole per iniziare a divertirsi con gli amici. Con la compagnia giusta, con l’atmosfera di una situazione curata in ogni singolo dettaglio, sorrisi e relax arrivano prima. Ad esempio, durante l’aperitivo servito al tavolo (disponibile solo su prenotazione). 

Il venerdì sera di Lumen non è solo un aperitivo, non è una serata al ristorante e non è neppure la classica serata in discoteca. E’ un mix vincente di tutto questo, con una formula originale, perfetta per far scatenare persone che stanno bene tra loro. Per l’aperitivo, l’ingresso è libero e selezionato, il che facilita il divertimento. “Dillo solo ai tuoi migliori amici”, racconta lo staff di Lumen sui social. Perché è un party per molti, certo. Ma non per tutti.

La musica di Lumen rilassa e poi fa scatenare: ogni venerdì in console ci sono artisti di livello assoluto. Al mixer ecco Luca Pedonese e SaintPaul Dj,  al microfono e al sax c’è Max The Voice. Spesso poi sul palco arrivano ospiti in grado di regalare emozioni: sono musicisti, performer e strani personaggi attivi in tutta Italia e non solo. La stagione 2023  – 24 è iniziata il 6 ottobre. E’ certo che i tanti party Lumen faranno divertire, eccome.

The Beach e CAVA si aggiungono all’offerta food, dining & entertainment di Marina di Scarlino dalla primavera ’24

Alla già ricca offerta food & dining dell’esclusiva Marina di Scarlino, Scarlino (Grosseto), dalla primavera 2024 si aggiungono altre due proposte, The Beach Luxury Club e CAVA. 

Creati entrambi dell’imprenditore viareggino Manuel Dallori, sono locali dallo stile italiano attivi in tutto il mondo: The Beach Luxury Club, già presente dal 2018 con successo a Sharm El Sheikh e in Sicilia, è un sogno total white da vivere dal mattino alla notte, presto in apertura anche a Tulum, in Messico E’ un concept di beach club in cui rilassarsi al sole di giorno, godendosi piatti mediterranei o fusion d’eccellenza, dinner show di livello internazionale e poi dj set, al tramonto e serali. CAVA è invece un’evoluzione della classica trattoria italiana, vocata principalmente alle pietanze di mare e debutta proprio a Marina di Scarlino, in contemporanea con altre tre nuove aperture (Sharm in Egitto, Sicilia e Tulum in Messico).

The Beach Luxury Club prende invece vita al Tarantella Lounge & Restaurant, oasi di lusso, stile e relax. Quelli del Tarantella, nome conferito in onore del primo yacht Swan mai costruito, sono spazi d’eccellenza, pensati per sfuggire alla routine quotidiana e abbracciare una dimensione di puro piacere. Oltre a colazioni, pranzi, cene, dinner show e party, infatti, The Beach @ Tarantella offre ai suoi ospiti anche un’area piscine mozzafiato e due aree per eventi e ristorazione con vista sull’arcipelago toscano.

“Siamo molto felici di poter finalmente iniziare questa collaborazione in cui riponiamo grandi aspettative”, spiega spiega Federico Baldi, Managing Director della Marina di Scarlino,. “Siamo certi che la comunione di valori e di visione che abbiamo trovato con Manuel Dallori ed il suo Team, ci permetterà di raggiungere grandi risultati e di poter offrire ai nostri utenti una vasta gamma di servizi ed opportunità in linea con il nostro progetto”.

“Siamo davvero entusiasti di poter collaborare con una realtà d’eccellenza come Marina di Scarlino, con cui sta nascendo una notevole sinergia”, continua Manuel Dallori, fondatore di The Beach e CAVA. “La nostra proposta, dedicata al lusso accessibile, quello che tutti possono regalarsi per una serata speciale, mette insieme l’eccellenza dei prodotti di un territorio unico come la Maremma con show artistici di livello assoluto”.

Non è tutto, CAVA e The Beach @ Tarantella c/o Marina di Scarlino offrono interessanti opportunità a giovani professionisti che hanno voglia di crescere nel settore luxury e ristorazione. I profili sono senz’altro interessanti sia per candidati con grande esperienza sia per i più giovani: Chef, Chef de partie, head of bar, barman; hostess/cashier; bar waiters; restaurant waiters. A breve sarà tenuto un Recruiting Day proprio a Marina di Scarlino.

COS’E THE BEACH LUXURY CLUB

Creato e gestito dall’imprenditore viareggino Manuel Dallori, The Beach Luxury Club è un concept di beach club con intrattenimento che prende vita in spazi aperti dal mattino alla notte. Propone cucina raffinata, presentata in un contesto unico, con piatti di ispirazione mediterranea e fusion, dinner show internazionali e party che finiscono solo alle ore piccole. Prende vita tutto l’anno a Sharm El Sheikh presso e dalla primavera all’autunno a Santa Flavia (Palermo). Nel 2024 sono previste due nuove aperture, a Tulum, in Messico e in Toscana. https://www.thebeachluxury.com/

COS’E’ CAVA

CAVA è una nuova catena di locali dedicati alla cucina italiana e al piacere di gustarla in locali ad alto tasso di stile, in Italia e nel mondo. Nasce da chi ha portato al successo The Beach Luxury Club, format che fin dal 2018 propone cucina fusion d’ispirazione mediterranea, da godere con dinner show internazionali e party. CAVA è un’evoluzione della classica trattoria italiana e nasce nella primavera ’24in spazi in cui design, servizio, piatti e stile sono curati in ogni singolo dettaglio. Dove? In quattro location: a Sharm, in Egitto; a Tulum, in Messico; a Marina di Scarlino (Grosseto) e in Sicilia, a Santa Flavia (Palermo).

COS’E’ MARINA DI SCARLINO

Nata da un’idea di Leonardo FerragamoMarina di Scarlino accoglie da anni l’ampia comunità di amanti della vela, del mare, della natura e del relax. Si sviluppa nel cuore della Maremma e dell’Arcipelago Toscano, a poche miglia dall’Isola d’Elba, immersa in una delle aree a maggiore densità di parchi, riserve naturalistiche e faunistiche. Marina di Scarlino è uno dei porti turistici più sicuri e protetti del Mediterraneo e un esempio di offerta integrata, con un porto turistico di 960 posti barca, un Resort con 30 appartamenti esclusivi, 36 nuove residenze in vendita, un Cantiere nautico-centro autorizzato Nautor Swan Global Service, uno Yacht Club, una Galleria Commerciale e sede di regate e eventi del settore di rilevanza internazionale. Marina di Scarlino è inoltre una destinazione privilegiata dal punto vista climatico, con temperature miti e condizioni meteo stabili per la maggior parte dell’anno. Strategica la posizione geografica: nel cuore della Food & Wine Valley della Maremma Toscana e dei suoi siti culturali e artistici. https://www.marinadiscarlino.com/it/

CHI E’ MANUEL DALLORI

Manuel Dallori, classe 1969, viareggino, è attivo da oltre 25 anni tra luxury, moda, entertainment, turismo e ristorazione. Tra le realtà con cui ha collaborato c’è un brand di moda d’eccellenza come Gianni Versace, mentre oggi è Corporate Entertainment Director del gruppo Domina. Non solo. Dopo aver creato brand di successo brand come Zelo’s Montecarlo e Beach Club, oggi sta facendo crescere The Beach Luxury Club, un luogo da sogno dedicato al lusso accessibile, aperto dal mattino alla notte, perfetto per oziare col sole e poi scatenarsi con la luce della luna, dopo essersi goduti dinner show d’eccellenza. The Beach è in crescita e apre due nuovi spazi nella primavera ’24 tra Toscana e Messico dopo il successo ottenuto a Sharm El Sheikh, in Egitto ed in Sicilia. Sarebbe già abbastanza ma c’è un’altra bella novità, CAVA, che apre ben quattro ristoranti nel 2024, tra Egitto, Sicilia, Toscana e Messico. “CAVA è un’evoluzione della classica trattoria italiana. Sono infatti spazi in cui  design, servizio, piatti e stile sono curati in ogni singolo dettaglio. Ci si rilassa gustandosi i classici della cucina italiana. La tradizione c’è sempre, ma a volte viene ripensata con piglio moderno e inedito”, spiega Manuel Dallori.  Lo slogan che meglio racconta la sua personalità di questo imprenditore è probabilmente We’re building a new story, in italiano stiamo costruendo una nuova storia. Perché Dallori è sempre in movimento e al lavoro. Semplicemente, non si ferma mai. 

Mark Donato: il 2 marzo 2024 dj set al Plaza Cafè di Toscanella (Bologna)

Mark Donato, l’artista toscano che fa vibrare le anime con il suo sound fatto spesso di unofficial remix di canzoni italiane che tutti abbiamo nel cuore e nelle orecchie, sabato 2 marzo ’24 è protagonista musicale di una bella serata al Plaza Cafè di Toscanella di Dozza   (Bologna) . E’ un apericena illimitato che inizia alle 19 e continua fino a tardi. La musica di Mark Donato, carica di ritmo e passione è perfetta per ballare, cantare e far tardi con il sorriso con gli amici. Non mancheranno i remix scatenati di Mark Donato, spesso in onda nel programma Radio Italia Party, su Radio Italia. 

Tra i più recenti rework di Mark Donato c’è anche quello di “Se t’amo t’amo” di Rosanna Fratello, un brano scritto nel 1982 da Cristiano Malgioglio, che Mark Donato trasforma in uno inno da dancefloor.

Per lui c’è in ballo anche un’altra novità tutta Italia, ovvero la sua presenza a Sanremo durante il mitico Festival della Canzone. Mark Donato On Air, il suo radio show distribuito Sindymedia è partner di Sanremo Luxury. Tutti i dettagli verrano svelati a breve ma è già un eccellente risultato. 

Ci sono dj che ogni giorno pensano più a far ballare e far emozionare il loro pubblico che al proprio ego musicale. Tra di loro c’è senz’altro il toscano Mark Donato, che spesso realizza bootleg & rework di brani italiani perfetti per ballare, ad ogni ora del giorno (e della notte). Tra le sue realizzazioni più recenti, c’è un bootleg di un brano di Mario Venuti, “Caduto dalle stelle”. La sua versione è andata in onda recentemente su Radio Italia, nel programma di Paoletta e Luca Camorcia di Radio Italia, “Radio Italia Party”. Mark Donato è un vero professionista del sound e del mixer che fa musica fin dal 1999. Stanno raggiungendo ottimi risultati un suo rework, quello di “Hace Calor” ed uno disco originale, “Bonito”.

https://www.instagram.com/markdonatoreal/

Plaza Cafè / Toscanella di Dozza /  Bologna

P.zza della Libertà 10, tel. 3205335979

 Klangkuenstler + Aiden @ Bolgia – Bergamo il 9 marzo 2024

Al Bolgia di Bergamo, tempio dell’elettronica sull’A4, ogni weekend si alternano in console artisti di livello mondiale, amati e richiesti a tutte le latitudini. Non fa eccezione la data di sabato 9 marzo 2024, quando, al top club sull’A4, arriva il top dj producer tedesco Klangkuenstler. Con lui c’è la connazionale Aiden, nome in ascesa verticale nel panorama techno internazionale. 

Quando c’è di mezzo KlangKuenstler, si può avere la certezza di partecipare ad un memorabile party, all’insegna del ritmo e dell’avanguardia al mixer. Tedesco, 400mila follower su Instagram, KlangKuenstler trascorre i primi anni della sua vita in una piccola città della Bavaria. Si avvicina al mondo dell’elettronica e, dal 2008, iniziano i primi esperimenti. Nel 2012 è a Monaco. Il suo suono è oggi una hard techno potente e senza fronzoli, che pubblica sulla sua label Outworld. Per farsi un’idea dell’energia che è in grado di sprigionare con ogni suo set basta riascoltare il suo recente EP “Die Welt Brennt”, tra influenze anni 90′ e 2000. Tra gli altri top club, a metà marzo 2024, torna a suonare in casa, visto che il 15 marzo fa scatenare, nella Renania Settentrionale-Vestfalia, il Turbinenhalle. 

Vive in Germania pure la britannica-americana Aiden, dj producer cosmopolita di scena al Bolgia durante la stessa notte, e che fa parte di una nuova generazione di artisti in grado di decifrare i confini tra passato, presente e futuro del clubbing, tra suoni industrial, hardcore e rave. A chiudere il cerchio, nella Club Room, ecco WM, Ferdi e Giusa.

Per chi balla nella Lab Room il suono invece è quello del party We Know. Il Bolgia apre alle ore 23.30 e si balla fino alle 6 del mattino. 

L’appuntamento di sabato 9 marzo 2024 al Bolgia di Bergamo con Klangkuenstler e Aiden è solo l’ennesimo di assoluto livello per questo top club. Qui si sono esibiti super dj come Nico Moreno, I Hate Models, 999999999, Deborah De Luca, Indira Paganotto, Joseph Capriati, klangkuenstler, Wade, Trym, Pawsa, Dennis Cruz, Cloonee, Reinier Zonneveld, Stella Bossi, Ilario Alicante, Len Faki, Ellen Allien e Métaraph, Franchino e molti altri.

09/03 Klangkuenstler + Aiden @ Bolgia – Bergamo

https://www.bolgia.it/klangkuenstler/

Bolgia – Bergamo

via Vaccarezza 9, Osio Sopra (Bergamo) A4: Dalmine

info: 338 3624803

1/3 Soleil Party, 2/3 Dr.Space, Nuelma, Francesco Sarzi + Wild al #Costez – Telgate (Bergamo)

Il weekend di  #Costez – Telgate (Bergamo) inizia venerdì 1 marzo ’24 con un appuntamento tutto da vivere al ritmo degli artisti di Soleil. E’ una festa deluxe dal ritmo irresistibile. E che succede la sera dopo? E’ sabato 2  marzo. Si balla con di top dj come Nuelma e con la voce di Francesco Sarzi. Con loro al mixer c’è anche Dr.Space, un super professionistia del sound.

Ma chi è Dr. Space (nella foto)?  Nato a Brescia nel 1978, ha avuto una forte passione per la musica e per i club sin da giovane, che lo ha spinto nella vita notturna e nei suoi locali, con il desiderio di diventare un protagonista. Nel 2001 un viaggio a Ibiza gli ha cambiato la vita e gli ha aperto la musica a nuovi suoni. Nel 2005 è diventato dj residente al Circus Beat Club, il club di maggior successo di Brescia. Un obiettivo che ha significato un periodo di popolarità e alta visibilità per l’artista. Non solo Circus, ma anche Dr. Space ha firmato la serata di Fura, Dehor, Number One e Hotel Costez. Ma nuovi orizzonti lo attendevano: si è esibito al Cafè del Mar e all’Hotel Es Vive (Ibiza), al Samsara (Gallipoli), al Old Fashion (Milano), al The Club (Milano), al Club 11 (Milano), al Sali e tabacchi (Reggio Emilia), al M-Club (Porto Rotondo), al Tennis Club (Terni), al Des Alpes e alla Zangola (Madonna di Campiglio), al Le Plaisir (Sirmione) al White Trash 2008 e all’Alter Ego Club in occasione del Capodanno 2013 e 2014. Nel 2005 ha anche iniziato la sua avventura come produttore, che ha realizzato grazie alle collaborazioni di successo con Riccardo Massetti. Insieme hanno creato il progetto Space Master. Come “Dr. Space” ha deciso di lavorare principalmente con Gianluca Motta, ma anche con VINAI e NRD1. Ha già remixato Jay Lumen, Get-Far e Sergio Mauri con Mr. V, Nicola Fasano, Sagi Rei ed è stato supportato da David Guetta, Tocadisco, Laidback Luke, Stefano Pain e molti altri dj italiani.

Zona selfie boost con stampa foto… e in Gold Room eccoci cono scatenato Wild Party by DN Events, una festa trap, hip hop & reggaeton davvero scatenata. Wild è una festa decisamente selvaggia, tutta vivere con il ritmo giusto.

///

Costez è un brand simbolo di divertimento, ritmo, party e notti passate a ridere con gli amici. Creato da Paolo e Francesco Battaglia nel 2007, nel tempo è cresciuto facendo scatenare club, discobar, festival in diverse regioni italiane. Oggi prende vita al #Costez di Telgate (BG), ovvero nella grande disco Nikita e all’Hotel Costez di Cazzago (BS), uno scatenato dj bar. Chi balla con Costez lo fa al massimo con ottimi dj, show di qualità, scenografie, servizio sempre curati e soprattutto con uno staff di ragazzi che mentre lavorano si divertono… o viceversa. 

///

#Costez  Future Club – Telgate (BG) c/o Nikita

Via dei Morenghi 2 – Telgate (BG) A4: Grumello

Dalle 24 alle 4, ogni venerdì, sabato e prefestivi

Domenica pomeriggio dalle 15 alle 19

info: 3480978529 (Bobe)

Ingresso a pagamento con consumazione

Web App: https://costez.club/

Instagram.com/costez_official

 29/2 Jay K, O’Neal (Rehab), 1/3 Off Beat, 2/3 Botteghi fanno scatenare Circus beatclub – Brescia

Il nuovo weekend firmato Circus beatclub – Brescia inizia giovedì 29 febbraio 2024 e si conclude nelle prime ore di domenica 3 marzo. Nel frattempo, tre serate e tanta musica da vivere con gli amici, con il sorriso sulle labbra e un certo stile.

Si parte a ritmo di hip hop, con Rehab, il party “black” del giovedì di Circus beatclub – Brescia. In console ci sono Jay K e O’Neal, due scatenati professionisti di questo sound.  Jay K, in particolare, accompagna in console il celeberrimo rapper Guè, ha quasi 50.000 follower su Instagram, è stato 4 volte DMC Champion in Svizzera e 2 volte Itf Champion in Italia. Stefano Guidi, questo il suo vero nome, cura un potente programma mixato sulla Rete Tre di RSI, la Radiotelevisione svizzera italiana.

Dopo il party Off Beat di venerdì 1 marzo ’23, che mette tutta la Circus family in console, eccoci con il super guest dj in console sabato 2 marzo, ovvero Matte Botteghi, al mixer solo Botteghi.  Botteghi (nella foto), tra gli altri, ha regalato il suo sound pure sul palco del Jova Beach Party. Il suo percorso discografico lo ha fatto conoscere inizialmente grazie ai suoi Bootleg e Mash-Up suonati dai programmi dance di riferimento delle più importanti radio italiane e successivamente realizzando svariati singoli e remix assieme al suo studio partner Rivaz. Tutte queste produzioni musicali lo hanno portato a collaborare con artisti del calibro di Jovanotti, Frankie HI-NRG, Benny Benassi, Mauro Picotto, Maluma e Ackeejuice Rockers. Il progetto discografico Rivaz & Botteghi ha ottenuto negli anni risultati che hanno fatto il giro del mondo grazie ai supporti di David Guetta, Tiësto, Hardwell, Alok, Morten, Fedde Le Grand, Bob Sinclar e Laidback Luke. Quella di Botteghi è una storia in continua evoluzione, per viverla basta seguirlo sui social e soprattutto nelle sue tante serate.

Come ogni anno, ed è un vero record nel panorama italiano, anche per la stagione ’23 – ’24, Circus beatclub si rifà il look: alle pareti un color ghiaccio scuro perfetto per il futuro (e pure per il presente), impianto luci tutto nuovo, schermi e mirrorball che si muovono durante la serata, nuovi divani, nuova console a cui si accede in modo diverso… chi balla al Circus balla sempre nello stesso club, certo, ma proprio da questa stagione il club sarà sempre diverso grazie ad allestimenti, scenografie ed interventi particolare. 

Lo slogan mette energia: “future is now”, il futuro è adesso. Il ritmo del video disponibile sui social è forte ed elettronico, ma la voce che lo accompagna è calda, latina, come a mettere insieme la forza i suoni del futuro con la voglia di far tardi con il sorriso, con gli amici di sempre – è tutto visibile qui: Istagram.com/p/Cxa8uxktZYM/ -.

Il video che presenta la nuova stagione di Circus beatclub a Brescia in realtà inizia con il racconto di ciò che è stato: 25 anni di notti in via Dalmazia. Il locale infatti ha iniziato la sua lunga storia nel 1999. 25 anni di divertimento, dance, musica, show. Come scrive lo staff sui social, the Club is back. Con ben 4 serate molto diverse tra loro. 

Il giovedì è Rehab, con sonorità hip hop anche internazionali ed il ritmo di Jay K. La domenica Panorama porta in console per ogni serata un top dj italiano attivo in mezzo mondo che sarà resident di un appuntamento già molto atteso, dedicato ad un pubblico che si accontenta solo del meglio. Ecco poi il venerdì e il sabato, da sempre il cuore del divertimento pop al Circus beatclub, che è gestito anche in questa stagione ’23 ‘ – ’24 dal gruppo guidato da Antonio Gregori, lo stesso che ha portato al successo anche MOLO a Brescia, grande disco estiva ed il River a Soncino (Cremona), aperto tutto l’anno. Il venerdì al Circus è OffBeat, una notte dedicata a sonorità sempre diverse e scatenate, mentre il sabato è Crush, dedicato agli artisti della Circus Family: Toma e Brio alla voce, Dr.Space in console e tanti, tanti altri. 

///

Circus beatclub Brescia

https://www.instagram.com/circusbeatclub/

www.circusbeatclub.com info@circusbeatclub.com 

https://linktr.ee/circusbeatclub

info +39 333 210 5400 (WhatsApp)

Via Dalmazia 127, 25125 Brescia

ingresso a pagamento con consumazione

RSoul DJ: disco dance dai lounge agli hotel con missione engagement

Esistono professionisti della console che ai contesti classici del djing, come le discoteche, i club, i mega festival preferiscono le location più riservate ed esclusive, come gli aperitivi e le cene con sottofondo musicale nei lounge, o i party danzanti negli hotel e nei loft di lusso in Italia e nel mondo.

E’ il caso di RSoul DJ, all’anagrafe Raoul Girometta, professionista del mixer che da lungo tempo fa emozionare il pubblico in party esclusivi in location d’eccellenza, come Radisson Collection e Terrazza Martini a Milano o Villa Agape a Firenze, con selezioni musicali al tempo stesso raffinate e coinvolgenti. Intrattenendo senza sosta pubblici di ogni età.

“La chiave del mio successo in pista sta nella perfetta coniugazione fra il mio bagaglio musicale e la mia esperienza nella gestione dei pubblici. Nel corso del tempo ho imparato a intrattenere platee eterogenee, riuscendo a far ballare anche le persone più timide e riservate in eventi serali che, in un trend ormai globalizzato, uniscono le generazioni. E ci riesco grazie a selezioni musicali che non scadono mai né nel volgare né nel troppo commerciale né, ancor peggio, nella noia (come  accade quando la consolle viene gestita dai cosiddetti deejay “primadonna”)”, spiega RSoul dj.

Quanto conta il coinvolgimento?

“Il mio unico vero misuratore resta l’engagement, termine marketing che significa coinvolgimento, risposta del pubblico. E’ una metrica molto importante per i social media, dove la caduta di coinvolgimento potrebbe creare danni irreparabili all’ecosistema… proprio come succede con i party gestiti da deejay senza esperienza! Nelle mie serate sono protagonista nella misura in cui coinvolgo il mio pubblico per la perfetta riuscita della festa dall’inizio alla fine, senza farla scadere, proprio come un vero deejay dovrebbe agire, nel rispetto del suo “ruolo storico”. Sia per il cliente privato che decide di festeggiare una ricorrenza come il proprio compleanno o anniversario, sia per le aziende che attraverso gli eventi vogliono riconfermare il proprio posizionamento di marca o un nuovo importante traguardo”.

Prima di un evento fai un brief musicale con il cliente?

“Sì, esattamente. Con un approccio quasi ‘da agenzia’ parto da una selezione musicale che preparo specificamente per la serata in questione, con possibili playlist di preview per il cliente. Non una scaletta precostituita ma esempi di possibili “strade”: playlist house, r’n’b, evergreen, piuttosto che ethnobeat, nu disco, lounge, funk, nu soul, magari follow-up di selezioni già adottate per altri eventi simili che possono aiutare e sostenere il cliente nella scelta dell’impostazione musicale di serata.  Vado poi a personalizzare durante l’evento stesso, in relazione al pubblico e al mood di serata. Attraverso azioni di comunicazione specifiche, che siano comunicati stampa nazionali e locali e/o campagne social o mailing posso poi aiutare a dare un boost all’evento. Un’attività di successo, testimoniata dai numerosi riconoscimenti di pubblico ricevuti in questi anni, con un indice di gradimento che, misurato, potrebbe arrivare a soglie percentuali molto alte, se non assolute. Le testimonianze dei miei clienti le trovate sui miei profili social, Instagram e TikTok”

Tanti dj scelgono di giocare sul sicuro e proporre un solo genere musicale, tu hai un approccio diverso?

“La vera sfida è giocare con più generi e più pubblici, costruendo eventi unici. Sono tornato a fare il dj dopo 25 anni di esperienza nel marketing di prodotto, con una filiera di partner nazionali e internazionali dell’entertainment digitale (Netflix, Apple Music, Spotify, etc) e con specializzazioni in management, comunicazione, produzione. Voglio portare questa mia esperienza sugli eventi e nelle produzioni multimediali, collaborando con i migliori professionisti della filiera, dagli studi di registrazione (House of Glass di Gianni Bini), ai fotografi di moda e musica (l’emergente Mastrantoni, sto corteggiando Micalizzi), fino ai catering e al food. Ho lavorato con Frau Knam e sto facendo il filo ad alcune importanti food blogger”.

Hai una crew?

“Tutti i miei progetti si basano sul networking e sulle relazioni, una forma mentis poco italiana lo so, ma io ho una mentalità internazionale e UK nel cuore. Il fatto che mi sia aperto ospitando deejay italiani stranieri ai miei eventi o produttori emergenti nelle mie produzioni sta facendo nascere un interessante network di cooperazione internazionale per la musica e gli eventi, L’invito ad entrarci è aperto a tutti, sia ai bravi producer per la produzione musicale che ai videomaker e progettatori di 3D, grafica, agli organizzatori e ai PR. Chi è interessato può contattarmi con messaggio diretto ai profili social in calce”.

Abbiamo parlato della pista e degli eventi, quindi di un mondo al 100% fisico. Ma qual è il tuo rapporto con il mondo internet e tutto quanto è digitale? 

“Ne sono assolutamente favorevole, nel momento in cui ci siano consapevolezza e (auto) controllo. Il digital è uno strumento per amplificare le esperienze e può essere assolutamente funzionale agli eventi stessi. Ad attraverso tramite i social: sui miei profili faccio spesso anche dirette e ho un canale Mixcloud online h24. Non a caso il mio account name è  “rsoul from the disco loft”, perché il mio immaginario è quello di un disco loft musicale moderno e digitalizzato, una specie di versione 3.0 del loft musicale di Dave Mancuso, connesso con il pianeta attraverso il web e i social”.

Cosa pensi del phygital? 

“Presto riunirà il mondo fisico e quello virtuale. Siamo nella fase di post-lancio del nuovo visore Apple, che in America da alcune settimane sta creando un forte hype mediatico. Grazie alle nuove tecnologie, in un futuro prossimo potremo teletrasportarci in luoghi ed eventi, per ballare e incontrare gente. Io il primo passo verso questo mondo l’ho già fatto due anni fa, con sessioni di produzione, mixing e mastering nell’ HOG Studio di Gianni Bini a Viareggio, uno dei Top 5 in Europa. Le sto iniziando a raccontare attraverso i miei profili social, anche in vista del lancio delle mie prime produzioni. Brani tech-house ed ethnobeat in formato Dolby Atmos, che usciranno a nome Aegotism e Collectif D’Artistes Mediterraneens entro l’estate. 

A cosa sono dedicati questi nuovi progetti?

“Il primo progetto, Aegotism, è dedicato al tema dell’identità phygital e della metamorfosi dell’uomo moderno, tramite una narrativa a cavallo fra i due mondi. Il secondo, Collectif D’Artistes Mediterraneens, è un collettivo aperto di producer, musicisti e artisti multimediali per la riscoperta delle musiche, arti e e territori del Mediterraneo che porterà eventi multimediali nei locali e online, anche attraverso l’augmented reality. Per entrambe i casi usciranno produzioni audio e video immersive, da fruire attraverso ogni tipologia di device connesso –  notebook, tv connesse, visori Meta ed Apple – e prossimamente in eventi immersivi, anche fisici: alcuni locali all’estero come il Ministry of Sound di Londra hanno già un impianto Dolby Atmos Music e non a caso il mio primo video immersivo è stato girato lì (ride)”.

https://www.instagram.com/rsoul_from_the_discoloft
https://www.instagram.com/soulshapes_records/
https://www.instagram.com/collectifmed.art