https://www.instagram.com/royal_management/

https://www.instagram.com/iciofranzoni/

https://www.instagram.com/iciofranzoni/

Creata e gestita da Maurizio “Icio” Franzoni, Creata e gestita da Maurizio “Icio” Franzoni, Royal Management è un’agenzia specializzata nel fornire modelle/i e hostess a chi organizza eventi, party e fiere, soprattutto nel settore entertainment & nightlife. Attiva da anni, l’agenzia gestisce un numero di talenti notevole, ma più che sulla quantità, da sempre punta su qualità ed eccellenza. Royal Management ha poi a disposizione ciò che può fare la differenza per creare party o eventi memorabili: centinaia di abiti e costumi capaci di esaltare la bellezza delle ragazze in modo sempre diverso.

INTERVISTA AD ICIO FRANZONI (Royal Management)

Maurizio “Icio” Franzoni, 45 anni, di Verona, è un vero professionista dello show business. Da più o meno trent’anni si occupa di divertimento e da quasi 15 gestisce Royal Management, una delle realtà più stimate e rispettate dagli addetti ai lavori quando si tratta di entertainment, clubbing e nightlife. Le ragazze che fanno sognare sui palchi dei top club italiani (e non solo) spesso lavorano con la sua agenzia. Anche in un periodo difficile come questo per i locali, Icio si definisce orgogliosamente ‘discotecaro’. “La discoteca è perfetta per divertirsi, ma è anche il luogo giusto per muovere i primi passi nel mondo dello spettacolo”, spiega. “Per me poi è sempre stato un lavoro vero. Perché chi lavora di notte, lo fa quando quasi tutti hanno già ‘staccato’ e possono rilassarsi. Il settore divertimento può dare grandi soddisfazioni, ma a differenza di ciò che pensano in molti, richiede impegno e professionalità, 24 ore su 24”.

Come hai iniziato a lavorare di notte? 

A soli 16 anni, per caso. Nell’estate 1991 ero a Riccione in vacanza con i miei genitori. Ero già vestito in modo particolare, ovvero ero patito di Jean Paul Gautier… Mi fermarono per strada per chiedermi se avevo voglia di fare il PR, termine che all’epoca nessuno associava alla nightlife. Mi davano dei flyer da dare ai ragazzi e alle ragazze in Viale Ceccarini e a Rimini e già da subito, col mio spirito di convincimento, riuscivo a veicolare molte persone. I miei trovarono un accordo con un hotel della zona e invece di stare pochi giorni, feci tutta la stagione. Ho iniziato lavorando al Barcellona di Rimini, poi sono venuti Cellophane, Cocoricò, un after come Vae Victis e l’Ethos. Più tardi, ho avuto altre esperienze in alcuni dei più importanti club italiani. sempre come PR. Tra gli altri, Alter Ego, Mazoom, Area City, Syncopate, Aida. Dal 1996 al 1996 ho gestito club minori, per poi occuparmi di Xhype, una realtà techno che ha fatto divertire il nord italia per due stagioni mettendo in console dj importanti. Subito dopo ho fatto il direttore di una grande discoteca, un multisala. Non era però il mio mood lavorativo.

Quando hai creato Royal Management, la tua agenzia?

E’ nata nei primi anni 2000. Per qualche anno ho organizzato i tour che tanti grandi brand d’abbigliamento all’epoca facevano nelle discoteche. Già conoscevo i titolari dei locali più importanti in Italia, avendo fatto per tanti anni pubbliche relazioni ad alto livello. Per questo non è stato così difficile passare dai tour al fornire le modelle adatte ai loro show. Quello che invece credo abbia fatto la differenza, nel tempo, sono la professionalità dell’agenzia e la bellezza delle ragazze, la loro presenza scenica. Come nella moda, nel cinema, nella danza e in tanti altri settori, anche di notte quando sei su un palco la bellezza conta, eccome. Le modelle che lavorano con Royal Management sono sempre splendide, ecco perché nel tempo l’agenzia è diventata riferimento in Italia e non solo. 

Con chi lavorate? 

Lavoriamo quasi soltanto con i locali più importanti, che per fortuna in Italia sono tanti, a cui sommiamo collaborazioni all’estero nelle nazioni da noi confinanti (Svizzera, Francia, etc) e saltuariamente Ibiza. E’ una scelta precisa di posizionamento la mia, perché da sempre puntiamo sulla qualità assoluta e non sulla quantità. L’immagine va curata in modo assoluto. Due modelle professioniste, da sole su un palco, con l’abito giusto creano magia. Un intero corpo di ballo formato da chi su quel palco non dovrebbe starci creano invece problemi, perché il pubblico ormai è molto esigente.

Vi occupate solo di discoteche? 

Anche se il core business resta l’intrattenimento in ambito nightlife, l’agenzia si occupa anche di fornire hostess per fiere e congressi. Saltuariamente poi organizziamo  eventi per grandi brand occupandoci di tutto ciò che serve: location, catering, allestimenti,  impianti musicali, dj (…). Ovviamente forniamo spesso anche intrattenimento di ogni tipo: dagli acrobati aerei alle cantanti, trampolieri, giocolieri o maghi.

Quali sono i principali problemi del tuo lavoro?

E’ fondamentale avere a disposizione ragazze e ragazzi che sul palco sappiano stupire e regalare il famoso effetto ‘wow’…  non è tutto. La logistica, quando devi spostare in tutta Italia decine e decine di modelle tra un locale e l’altro nel tempo di un weekend è molto difficile da gestire, soprattutto d’estate. Perché oltre alle persone ci sono anche i costumi, che spesso sono diversi tra un party e l’altro. Abbiamo diversi magazzini con centinaia di outfit e collaboriamo con costumisti di livello, per cui siamo in grado di mettere in scena ogni tipo di evento, ma come dicevo la logistica diventa fondamentale, anche più di avere sedi di rappresentanza sul territorio. Ad esempio, abbiamo un magazzino a Milano mentre a far coordinare tutta la parte burocratica è il nostro ufficio di Verona. 

Cosa conta per chi vuol ballare in discoteca? 

Chiunque voglia intraprendere un percorso nello show business anche grazie alla bellezza, se si guarda allo specchio, sa capire dove può arrivare. Ma essere belle o belli non basta: la professionalità ed educazione sono fondamentali. Molte ragazze sono decisamente serie, studiano e capiscono che possono guadagnare divertendosi per un periodo lavorando tra discoteche ed eventi. Chi invece crede che il mondo giri intorno a sé di solito dura pochissimo. E soprattutto, molte ragazze oggi celebri sui social o in tv hanno iniziato lavorando con la mia agenzia. Perché la notte può essere un ottimo punto di partenza.

Muoversi a tempo su un palco può sembrare facile… 

E invece non lo è affatto. E’ molto difficile muoversi con naturalezza, sorridere, colpire il pubblico. Prima di tutto, chi vuol lavorare nel mondo dello spettacolo non può aver problemi di timidezza. Ballare su un palco davanti a 1.000 o addirittura 30.000 persone, come capita a Gardaland, con cui collaboriamo per diversi eventi ogni anno, non è da tutti. Ma una volta che l’hai fatto, il tuo carattere cambia. Ho visto spesso belle ragazze un po’ impacciate diventare in pochi mesi professioniste sicure di sé. E’ un valore aggiunto che può servire, anche nella vita di tutti i giorni. Per questo preferisco scegliere ragazze che siano al debutto. Posso passare loro tutta la mia esperienza, aiutarle a trovare il giusto atteggiamento e farle progredire pian piano nel mondo della notte. Oltre che bellissime e brave sul palco, le ragazze che fanno sognare lo show business devono essere puntuali, serie, gentili, spensierate…