Meet Music e MINI supportano dieci nuovi talenti musicali per un anno sulla piattaforma Mixcloud Select

Chi è alle prese con il Coronavirus rischia la vita e ogni tipo di azienda, da quelle internazionali alle piccole imprese che da sempre costituiscono il tessuto produttivo italiano, ha oggi gravi difficoltà.

E’ un periodo di stop davvero molto difficile pure per chi vive di musica elettronica da ballo o sogna di poterlo fare. Se le star dello show business in qualche hanno un ruolo sui social o sui media, se finalmente si comincia a capire quanto contino libri, film, serie tv (etc) per regalare un sorriso, chi lavora ogni notte dietro al mixer amplificando l’energia del pubblico grazie alla musica sembra essere davvero tagliato fuori.

Che fare, nel periodo ad oggi indefinito in cui ballare in locali e festival sarà ancora un sogno? Una buona idea sembra essere quella di fare rete tra artisti e dare un valore alla musica, più precisamente alla selezione musicale, la sostanza del lavoro del dj.

Meet Music – meetmusic.it – evento completamente gratuito che dal 2017 a Follonica (GR) mette insieme star, professionisti e chi sogna di lavorare nel music business, grazie al supporto di MINI Italia, ha deciso di sostenere concretamente per un intero anno dieci nuovi talenti della musica elettronica.

Dieci artisti selezionati dallo staff Meet Music, con la supervisione di MINI Italia, saranno supportati per un anno sul loro account MixCloud Select – www.mixcloud.com/select/ –

Questa piattaforma permette di supportare dj e produttori accedendo a contenuti musicali esclusivi (dj set o musica inedita) a partire da 2.99 euro al mese. Chi lo desidera può anche sostenere i propri artisti preferiti con una cifra leggermente superiore, ma ciò che conta è proprio il valore che si dà alla musica, anche a quella di chi non è ancora affermato.

Spero che questa iniziativa lanci un segnale. Oggi più che mai è importante che gli artisti si supportino tra loro. Forse da una tragedia come quella che stiamo vivendo può nascere qualcosa di nuovo. C’è bisogno un nuovo movimento fatto di dj e produttori che riescano a sentirsi parte di qualcosa”, spiega Luca Guerrieri, creatore di Meet Music e dj producer conosciuto nel mondo per la sua musica. “Supportare un artista costa meno di un pacchetto di sigarette al mese ma è un gesto davvero importante, soprattutto per i giovani”.

Lo staff di Meet Music effettuerà periodicamente delle verifiche sulla qualità del materiale musicale caricato dagli artisti su Mixcloud Select e soprattutto promuoverà l’attività di questo nuovo collettivo su diversi canali (social, media, discografia).

MEDIA INFO, HI RES PICS MEET MUSIC: http://lorenzotiezzi.it/meet-music/

COS’E MEET MUSIC?

Meet Music – meetmusic.it è una evento completamente gratuito dedicato a dj, produttori, artisti e creatori di musica elettronica. Le prime tre edizioni (2017, 2018 e 2019) hanno preso vita in estate, al Teatro Fonderia di Follonica (GR), in Maremma, mettendo insieme star italiane attive in tutto il mondo, professionisti del settore e nuovi talenti.

Durante Meet Music, una manifestazione creata e portata avanti con passione da Luca Guerrieri, chi già lavora nel settore ha il piacere di incontrare di persona e non solo sul web i colleghi, mentre entra in contatto anche con chi sogna un giorno di lavorare in ambito musicale.  
Tra gli sponsor di Meet Music ci sono MINI Italia (lo staff Meet Music cura le playlist Electric Vibes ), Pequoud Acoustics, Red Bull, Tree Agency, Deorb.

B.A.LAB e BESIDE regalano B.A.LAB Meet, piattaforma per lavorare e studiare insieme online #distantimauniti



B.A.LAB e BESIDE, agenzie di comunicazione già in partnership da anni, sono nate per incentivare e supportare sempre di più l’utilizzo del digitale e lo smart work. 


Durante le restrizioni dovute all’attuale emergenza sanitaria per il virus Covid-19, le due agenzie hanno deciso di fornire gratuitamente B.A.LAB Meet,  piattaforma nata per favorire le relazioni di lavoro e le riunioni a distanza. Lavorare e studiare insieme, oppure semplicemente incontrarsi, #distantimauniti, facendo #solidarietadigitale, si può.
Si può accedere al servizio semplicemente registrandosi tramite il sito https://meet.balab.app.

Tramite la piattaforma è poi possibile condividere il link per il meeting con tutti i partecipanti. “Non acquisiremo nessuno dato di chi partecipa in remoto a queste riunioni”, specificano i Ceo di B.A.LAB e BESIDE. “Non verrà effettuata alcuna profIlazione utente e non verranno cedute a terzi o salvate sui server le registrazioni delle conversazioni degli utenti. Garantiamo quindi il massimo della privacy, soprattutto per i minori”.  


“Sembra facile riunirsi a distanza, sembra a tutti di avere mille opzioni diverse disponibile, ma in realtà non è così”, continuano.  “Il nostro sistema l’abbiamo già testato e può servire a tutti, dalle scuole, oggi in cerca di un sistema comodo e veloce per fare lezione online, alle aziende, ai gruppi di amici”.


La piattaforma B.A.LAB Meet infatti serve per creare sale riunioni virtuali ed è dedicata a chi ha necessità di organizzare incontri (meeting, riunioni operative, corsi di formazione, lezioni didattiche, allenamenti sportivi a distanza, appuntamenti, colloqui, ecc.). Funziona in modo semplice e funzionale e può pure essere utilizzata anche da chi vuole mantenere vive le relazioni interpersonali a distanza.
Tra i punti di forza di Meet è che non c’è limite al numero degli utenti connessi in contemporanea, se non quelli della rete. Inoltre il sistema, completamente gratuito, può essere personalizzato per chi lo utilizza con varie funzioni integrative, ad esempio creando infinite stanze d’incontro. 


Ma come funziona B.A.LAB Meet  ?
All’interno della stanza virturale creata con B.A.LAB Meet è possibile:attivare il proprio microfono e la propria webcam o essere un semplice ascoltatore; utilizzare una chat pubblica o privata per ogni singolo utente; condividere lo schermo (nel caso di sistemi MAC OSX è possibile solamente utilizzando Google Chrome o Mozilla Firefox); avviare delle slide tramite la modalità “presentazione” caricando dei files (ad es. immagini, pdf, ecc.); nominare un moderatore che vigili sulla riunione; creare sub stanze per comunicazioni private (ad es. un professore può creare più “stanze breakout” con solo alcuni alunni da interrogare in gruppo); aver numero di partecipanti illimitati (…).
È possibile utilizzare B.A.LAB Meet da qualsiasi dispositivo, sia esso desktop o mobile (da sistemi Android per un corretto funzionamento consigliamo l’utilizzo di Google Chrome mentre da dispositivi mobile Apple -iPhone e iPad- è necessario l’utilizzo di Safari).


////

BESIDE Communication & Consulting Agency www.beside.agency
Crediamo fermamente nel valore del business nel rispetto dei rapporti verso le persone. L’agenzia ha un team di professionisti che negli anni ha maturato l’esperienza nel settore della comunicazione, nella gestione sia di aziende che di eventi. Specialisti che hanno sviluppato competenze orientate alle start up aziendali. ricoprendo i ruoli fondamentali per l’ottima riuscita di una strategia pianificata. Ad oggi, Beside, al suo interno vanta un know-how dal punto di vista di immagine coordinata, social media management, videomaking e consulting che permette ai suoi clienti e partner una elevata capacità di problem solving sviluppando idee per creare un futuro insieme. BESIDE è la soluzione che offre soluzioni. Permette, a chi ad essa si affida, di poter sviluppare la propria comunicazione e/o la propria azienda grazie all’ampio numero di servizi che offre, sollevando il cliente/partner da un lavoro che spesso non gli compete.

B.A.LAB https://balab.it
B.A.LAB sta per Business Advertising Lab. E’ un’agenzia specializzata nella creazione di progetti di comunicazione tradizionale e digitale per piccole e grandi imprese di ogni settore merceologico. La nostra Mission è quella di affiancarvi nell’utilizzo e nella gestione di tutti i canali di comunicazione ad oggi necessari per una presenza sempre più competitiva sul mercato. Attraverso i nostri percorsi di analisi d’impresa creiamo piani di comunicazioni efficaci, creativi, interattivi e personalizzati per il tuo modello di business.

BESIDE -  B.A.LAB Meet.jpeg

Modus Dj mixa 50 tracce in 271 secondi, su Instagram TV, per dare un po’ d’energia


Modus Dj è normalmente uno dei dj producer più attivi a Milano e non solo per quel che riguarda in ambito locali “up” da fare muovere a ritmo di house, funky & dintorni. 
In questo periodo di stop forzato non può far altro che far ballare ed emozionare con la sua musica… da casa. Ha infatti riproposto anche su Instagram TV la sua performance da “record”, ovvero un dj set in cui ha mixato ben 50 tracce in 271 secondi.
La trovate sul suo canale Instagram, ovvero qui: https://www.instagram.com/modusdj/. E’ musica davvero energica, perfetta anche per saltare tra quattro mura bruciando calorie. Infatti il sound è decisamente scatenato. Tra brani come il tema di “Ghostbusters”,  “How deep is your love” di Calvin Harris e “In the Music” dei Deep Swing ci sono decine e decine di riff strumentali pieni d’energia. Tutti sappiamo che in questo periodo avere un po’ di energia in più può davvero servire. 


MEDIA INFO / HI RES PICS MODUS DJ http://lorenzotiezzi.it/modus-dj/


MODUS DJ 
Nato una trentina d’anni fa a due passi dal mare in Puglia, Salvatore Modeo al mixer Modus Dj da tempo vive a Milano. E’ infatti un professionista della console già piuttosto affermato in città e non solo.
Ad esempio, è protagonista in molti degli ‘hot spot’ milanesi (Principe di Savoia, Diana Majestic, Duomo 21, etc), con la sua house, sempre melodica e contaminata dal funky. Soprattutto durante i party esclusivi legati alla diverse Fashion Week, quando milano si riempie di professionisti e vip di tutto il mondo, il sound caldo di Modus fa la differenza. Infatti da sempre predilige tracce in cui gli strumenti sono suonati da veri musicisti.
Soprattutto all’ora dell’aperitivo e dopocena, Modus dj fa muovere a tempo un pubblico anche adulto nelle hall di hotel ed in location esclusive. In console ha una tecnica notevole, che qualche volta mostra in video su YouTube, ma il cuore di ogni sua performance resta la musica, non certo lo show.
Affascinato dalla musica fin da bambino, Modus Dj ha iniziato ad avvicinarsi prima a una tastiera, con cui riproduceva le melodie delle canzoni. Poi, a soli 9 anni, ha iniziato ad essere affascinato dai vinili e dai cd per diventare dj. Sono arrivati così i primi party e le prime esperienze nelle radio locali pugliesi. Dopo sono arrivate diverse esperienze in giro per l’Italia e pure all’estero, ad esempio alla Winter Music Conference di Miami.

Modus Dj .jpeg

Ross Roys partecipa a “DJs United to support the emergency”


La dj producer ligure Ross Roys sta partecipando ad un progetto che mette la musica da ballo al servizio di chi è davvero in difficoltà in questo momento non facile per chiunque.
Ecco come viene presentata l’iniziativa. Durante questa quarantena da covid-19 che ci sta mettendo a dura prova, la tendenza comune è quella di rimanere lucidi e sopratutto in contatto con il mondo intero. Radio House Music vuole dare il suo contributo per la campagna #iorestoacasa lanciando un progetto al quale hanno aderito tantissimi DJs. Un’idea che è diventata realtà trasformandosi in una nuova trasmissione radiofonica podcast: “HOUSE in the HOUSE – HOME EDITION”. A partire dal 27 marzo 2020, alle ore 17:00 (ora italiana), ogni giorno, un set dei DJs che hanno aderito al progetto andrà in onda su radiohousemusic.it. I proventi delle mini clip pubblicitarie all’interno dei set saranno devoluti alla Protezione Civile per l’acquisto di materiale necessario ad affrontare questa situazione di rara emergenza. Un ringraziamento speciale a tutti i DJs e al team di Radio House Music e Voice Records.
www.radiohousemusic.ithttps://www.instagram.com/radiohousemusic.it/https://www.spreaker.com/tags/radiohousemusic
MEDIA INFO / PHOTO HI RES ROSS ROYS
http://lorenzotiezzi.it/ross-roys-dj/


CHI E’ ROSS ROYS
Rosaria Giudice, al mixer Ross Roys, vive di ritmo. Ha iniziato a farlo in discoteca, come ballerina per mantenersi mentre studiava come medico veterinario. Ama gli animali e la natura alla follia, ma dopo la laurea l’amore per la musica è prevalso ed è diventata dj. Con il suo sound techno / tech house da tempo fa scatenare i club tra Toscana, Liguria e ovviamente pure a Ibiza.
Vive a Luni, un piccolo paese in Provincia della Spezia e ha iniziato a suonare in un piccolo locale a Bocca di Magra. Poi pian piano ha iniziato a spostarsi di club in club: Fusion Club a Marina di Massa (MS), Supersonic Club a Lucca (dove ha diviso la console con leggende come Francesco Zappalà, Roland Brant e Roberto Francesconi), Mambo Studio, Hush e Decibel ad Ibiza…
Tra le sue produzioni discografiche ci sono “Take” e Zwong”, pubblicate da K-Noiz e “Waves” uscita su DVS Records.


DJS United.jpeg

EMERGENZA COVID-19: LEROY MERLIN AFFIANCA MAI PIU’ SOLO ODV NO PROFIT A SOSTEGNO DELLE COMUNITA’ LOCALI

Il punto vendita di Agrate Brianza supporta l’attività dell’Associazione Mai più Solo con la donazione di materiale per la realizzazione di mascherine 

Agrate Brianza (MB), 27 marzo 2020– L’Associazione Mai Più Solo, grazie alla creatività e alla capacità ingegneristica del suo Presidente, Vincenzo De Feo, da tempo impegnato sui temi sociali, ha ideato mascherine usa e getta, in confezioni sottovuoto, presidi non medico chirurgici,da utilizzare per fare la spesa, andare in farmacia, portare fuori il proprio cane e le impellenti necessità.

L’iniziativa parte, come idea, da prodotti esistenti già sul mercato, ma De Feo è alla ricerca di fornitori che donino materie prime e tutto il necessario alla realizzazione. 

Il materiale reperito sul mercato è stato acquisito con sconti dal 10 al 40% per gentile concessione dei vari fornitori. Per tenere ulteriormente basso il prezzo, già estremamente contenuto,De Feo è alla ricerca di fornitori che donino il materiale occorrente. Un set di 10 mascherine spedizione compresa costa non più di 12 euro (dipende se il materiale è donato in toto). 

Proprio oggi Leroy Merlin di Agrate Brianza, grazie alla Direzione, ci ha donato materiale, scatole imballaggio e utensili per avviare la produzione come segno di grande solidarietà verso questa immane tragedia. Questo gesto ci dà ancora più forza per andare avanti!”-dice De Feo

Leroy Merlin, l’azienda multispecialista operante nella grande distribuzione del miglioramento della casa, da sempre crede in un modello di “fare impresa” legato al territorio, investendo nelle relazioni con le associazioni locali e dando vita ad azioni sociali che diano un beneficio alla comunità. In questo periodo di emergenza sanitaria, i punti vendita Leroy Merlin si sono attivati su tutto il territorio italiano con le donazioni di prodotti utili, come mascherine e tute di protezione, a forze dell’ordine, ASL, Croce Rossa e altre realtà impegnate nella lotta contro il Covid-19.

Ruggero Mazzone, Store Leader Leroy Merlin Agrate Brianza, ha dichiarato: “Siamo orgogliosi di aver supportato la nostra comunità con questa donazione e di potere essere utili, portando il nostro contributo in questa battaglia. Da sempre Leroy Merlin lavora con l’obiettivo di generare valore sociale per le comunità locali e il territorio. In questo momento così delicato abbiamo scelto di esserci e di venirci incontro, per essere uniti malgrado le distanze”.

Molti gli ostacoli nel reperimento di materie prime necessarie alla creazione delle mascherine, ma De Feo non si è perso d’animo e in occasione delle uscite per le risorse necessarie e con motivazioni certe, si è mosso per trovare i prodotti.

Le mascherine verranno distribuite da Mai Piu’ Solo con un contributo di 12 Euro spese comprese, a titolo di rimborso spese all’Associazione.L’idea delle mascherine nasce dalla volontà di sostenere le necessità di tutti coloro che si sentono soli, dimenticati e non aiutati in questo particolare momento storico a livello planetario, durante il quale basilare è l’aiuto per gli altri, la solidarietà reciproca anche grazie a nuove idee a sostegno della comunità, la propria, quella dell’intero Paese e del mondo, trasformando la difficoltà in opportunità a livello di progetti sociali.La nostra creatività resta e resterà sempre un’eccellenza nel mondo, anche in un momento come questo, non dimentichiamocelo mai.#ioscelgomadeinitaly #orgoglioitaliano #iosonoitaliano #iosonoitaliana #italia #madeinitaly #solidarietà #leroymerlinA proposito di Leroy MerlinLeroy Merlin è un’azienda multispecialista che offre la possibilità di migliorare la propria casa grazie all’offerta di soluzioni complete di prodotti e servizi. Arrivata in Italia nel 1996, Leroy Merlin annovera ad oggi 49 punti vendita distribuiti su tutto il territorio nazionale per un fatturato di oltre 1,64 miliardi di euro. Offre lavoro a più di 7.000 collaboratori. Per il 99% azionisti del Gruppo stesso. Leroy Merlin crede che ogni persona abbia diritto alla propria casa ideale e si adopera per riqualificare le abitazioni delle persone in difficoltà, perché una casa migliore rende migliore la vita. Per informazioni sull’azienda www.leroymerlin.itPRESS OFFICE MAI PIU’ SOLOFRANCESCA LOVATELLI CAETANI
lovatelliccaetani@gmail.comwww.maipiusolo.comsegreteriaws@gmail.comhttps://www.facebook.com/groups/maipiusolo/Contatti:Leroy Merlin:Alessandra Arrigo – alessandra.arrigo@leroymerlin.itLaura Borghini – laura.borghini@leroymerlin.itUfficio stampa Leroy Merlin – Omnicom PR Group leroymerlinpress-ITA@omnicomprgroup.com

 NELLE FOTO IL PRESIDENTE DI MAI PIU’ SOLO VINCENZO DE FEO DA LEROY MERLIN AD AGRATE

/// from ltc lorenzo tiezzi comunicazione /// lorenzotiezzi.it: his res photos & infos /// please check alladiscoteca.com our clubbing blog /// +393393433962 ufficiostampa@lorenzotiezzi.it /// no spam: basta comunicati? rispondici stop (decreto legislativo n. 196/2003) ///

IMG-20200326-WA0009.jpeg

Coronavirus e social: come cambiare la comunicazione aziendale (da Eo Ipso)

NB: molti di questi esempi non sono attualibili per chi lavora con l’intrattenimento, soprattutto quello dal vivo, ma resta per tutti una lettura decisamente utile.

“È il momento per l’umanità, non per l’assalto di azioni commerciali” Marino Pessina e Chiara Porta, Ceo e direttore responsabile dell’agenzia di comunicazione giornalistica Eo Ipso, www.eoipso.itL’attuale pandemia richiede che soprattutto le aziende, sui social, adottino contenuti, tono di voce e azioni adeguate.«I social media sono un luogo dove le persone vanno primariamente a parlare di ciò che gli accade nella loro vita privata, soprattutto con le persone che contano per loro. Le aziende sono sempre state un ospite necessario, e non sempre felicemente invitato, perché mentre tutti abbiamo i nostri interessi lavorativi, nessuno va sui social media per consumare intenzionalmente la pubblicità -spiegano Marino Pessina e Chiara Porta, Ceo e direttore responsabile dell’agenzia di comunicazione giornalistica Eo Ipso (www.eoipso.it)-. In questo momento le tradizionali strategie aziendali messe in atto sui social rischiano di essere inadeguate. Alla luce della situazione attuale, le aziende che già utilizzano regolarmente i social devono apportare profonde modifiche al linguaggio usuale e quelle che tendono a ignorare o utilizzare poco i social hanno la necessità di creare una conversazione con il pubblico, sfruttando l’intero ecosistema digitale e tutte le diverse tessere all’interno di ciascuna piattaforma. Stare zitti in attesa che tutto passi non aiuterà, servirà solo a farvi scomparire a poco a poco. Comunicare, quindi, ma farlo con uno scopo. Promuovendo al contempo un senso di sostegno, comunità e riconoscimento di ciò che il mondo sta vivendo in questo momento».Si lotta per sopravvivere, anche se si è chiusi. La domanda che tutte le aziende si dovrebbero porre in questo momento per impostare una strategia di comunicazione sui social è: “Come posso usare la mia presenza sui social media per supportare la mia comunità?” L’obiettivo non è quello di promuovere la propria attività, ma di offrire leadership e supporto durante questo periodo senza precedenti. Questa è un’opportunità fenomenale per creare connessioni significative. Un’opportunità che, lo speriamo vivamente, non si ripeta più in questo modo.Ecco le 15 mosse che si possono fare

  1. Riformulate i vostri messaggi in modo che parlino davvero delle difficoltà che le persone stanno affrontando in questo momento.
  2. Controllate tutti i contenuti già programmati in precedenza che devono essere pubblicati in questo periodo e assicuratevi che siano ancora pertinenti e sensibili alla luce di ciò che sta accadendo.
  3. Fate attenzione al tono usato: ci deve essere empatia e compassione. L’ultima cosa da fare come imprenditore è apparire sordo durante quello che è un momento molto difficile per molte persone. Chiedete: “Cosa posso fare per te?”, “Che cosa hai bisogno da me e dalla mia azienda in questo momento?”, “In che modo la nostra azienda può alleviare il tuo dolore in questo momento di perdita?”.
  4. Rimuovete qualsiasi emoji “giocoso” e qualsiasi linguaggio eccessivamente esuberante.
  5. Fate attenzione alle immagini che usate. Per esempio, invece di pubblicare foto di persone che camminano sulla spiaggia, in questo momento sono meglio persone che giocano nel loro cortile.
  6. Se siete aperti, mettete dei post per ringraziare i vostri dipendenti, chiedendo di fare delle foto in azienda, dove si veda che vengono rispettare tutte le regole di sicurezza anti-contagio. 
  7. Se siete in smart working, mostrate alle persone come voi e il vostro team state affrontando questo momento. “Normalmente saremmo in ufficio, ma ora tutto è cambiato”. Pubblicate un post con una foto o un video del vostro incontro mattutino tenuto sulle piattaforme digitali che permettono di collegarsi con i colleghi o gli amici.
  8. Offrite competenze specifiche. Usate i vostri social come canale educativo per far sapere alle persone, o ad altre aziende, come potete supportarli. Chiedetevi: i vostri post educano i vostri follower su un argomento rilevante? Potete aiutarli a conoscere le risorse nella vostra nicchia che li aiuteranno in questo momento difficile? Cosa potete offrire gratuitamente che fornirà valore educativo alla vostra comunità? 
  9. Offrite un modo per rimanere in contatto mentre tutti praticano il distanziamento sociale, fate uno sforzo supplementare per potenziare e supportare la comunità. Avete o potete creare una community personalizzata per aiutare i vostri follower in questo periodo? Per esempio, le palestre possono mettere a disposizione corsi video (per i loro iscritti ma non solo), i ristoranti offrire corsi di cucina. Le idee possono essere tante. 
  10. Utilizzate i video per comunicare in modo più approfondito con il vostro pubblico. Aiutano a connetterci in modo più efficace con il mondo esterno.
  11. Promuovete e condividete tutte le azioni che state facendo contro la pandemia, come le donazioni fatte o la riconversione per produrre mascherine o altri dispositivi di protezione.
  12. Se avete un ufficio stampa, condividete quello che i media dicono di voi anche sui social: è un modo per aumentare la propria reputazione.
  13. Pubblicate citazioni motivazionali, storie di ispirazione e strumenti pratici.
  14. Utilizzate più canali social e formati diversi. La combinazione di formati sia brevi che lunghi aiuterà i marchi a mantenere una stretta affinità con il proprio pubblico durante questi tempi senza precedenti.
  15. Da ultimo, per la programmazione editoriale dei prossimi mesi, considerate che gli elementi di questa pandemia potrebbero rimanere. 

Da non fare mai

  1. Occorre astenersi dall’usare un linguaggio che potrebbe causare paura o apparire come se si stesse capitalizzando sul caos (ad esempio: “Fine dei giorni in vendita!” oppure “Offerta limitata nel tempo! Coronavirus!”). Il marketing basato sulla paura può forse essere efficace nell’immediato, ma è sicuramente dannoso nel lungo periodo.
  2. Sui social ci sono in questo momento moltissime citazioni ed esempi esilaranti di “sopravvivenza COVID-19”. Tenete quelle battute sui feed personali, non su quelli aziendali. E’ un momento molto impegnativo per tutti, quindi è fondamentale garantire che la vostra strategia sia ponderata, empatica e di supporto in ogni momento.
  3. Evitate i messaggi che potrebbero far sembrare che state sfruttando la crisi piuttosto che fornire valore al pubblico. Ad esempio, se offrite servizi finanziari non è il caso di farvi pubblicità, piuttosto, potreste fornire consigli utili e confortanti su ciò che sta realmente accadendo nei mercati.
  4. Molti di noi con i compleanni di marzo – aprile 2020 ricevono e-mail che non hanno senso nella situazione attuale. “Comprane uno, ne ottieni due” (…solo in negozio)? Offerte come questa non solo risultano impersonali e totalmente sorde alla situazione attuale, ma possono ritorcersi contro il vostro marchio.

Dopo la crisi «Ricordate che il mondo è ancora sotto shock e che i vostri messaggi dovranno essere elaborati con la stessa empatia e saggezza usata in questi giorni. –ricordano Marino Pessina e Chiara Porta, Ceo e direttore responsabile dell’agenzia di comunicazione giornalistica Eo Ipso (www.eoipso.it)-. Ad un certo punto, le persone si stancheranno di parlare della crisi e saremo tutti in grado di tornare ad una nuova normalità. Alla fine, lo spettacolo (e la vita) dovranno continuare. Ad un certo punto, dovremo tutti tornare a lavorare come popolazione all’interno di un’economia. Quando, non si sa ancora. Ma non aspettate troppo a lungo per comunicare. Non lasciate che la vostra azienda sia un’altra vittima del coronavirus».

28/3 Samuele Sartini: dj set in live streaming dalle pagine social di Peter Pan Club #iorestoacasa

Sabato 28 marzo dalle 21 e 30 Samuele Sartini, dj producer italiano conosciuto in tutto il mondo per la sua house piena di ritmo e melodia, è protagonista di un dj set in Live Streaming che coinvolge i canali social del Peter Pan Club, punto di riferimento del divertimento a Riccione insieme alla Villa delle Rose. “E’ una bella iniziativa della proprietà dei locali e di Tanja Monies che si occupa della direzione artistica. Li ringrazio davvero per avermi coinvolto. L’unico scopo di portare un po’ di musica nelle case di chi non può muoversi”, spiega Samuele Sartini. “Lo scorso weekend hanno regalato il loro sound Nicola Zucchi e Geo From Hell. Domenica 29, dopo il mio dj set di sabato 28 marzo dalle 21 e 30, è invece la volta del di un dj internazionale, Sylvain Armand. Nelle prossime settimane ci sarà invece il sound di altri professionisti del mixer, finché finalmente arriverà il momento di ballare di nuovo, tutti insieme, in Riviera Adriatica. Il venerdì spesso sarò alla Villa Delle Rose. Non vedo l’ora”.

28/3 Samuele Sartini: dj set in live streaming dalle pagine social di Peter Pan Club #iorestoacasa

MEDIA INFO / SOCIAL / PHOTO HI RES SAMUELE SARTINI
http://lorenzotiezzi.it/samuele-sartini-dj/

Ben Dj: un’ora di remix e cover su Soundcloud per rilassarsi in casa


Instancabile globe trotter del mixer, Ben Dj regala un’ora di musica a tutti, a coloro che frequentano di solito i suoi party “up” e a tutti coloro che semplicemente in questo momento difficile hanno voglia, anzi bisogno, di un po’ di ritmo e di melodia.  “Ho preparato per la vostra ‘quarantena’. E’ un mixato di un’ora”, racconta Ben. “E’ tutta musica, remix e cover, che suono alla Bullona (il ristorante & club deluxe in cui Ben Dj  si esibisce, a Milano e a Il Cairo, in Egitto)”.


Ben Dj: un’ora di musica per rilassarsi e muoversi a tempo https://soundcloud.com/ben-dj/ben-dj-radio-show-summer-2020-free-download-deephouse-cover

BEN DJ – MEDIA INFO – HI RES PICS

http://lorenzotiezzi.it/ben-dj/


Luca Guerrieri fa ballare, emozionare (e sorridere) anche su YouTube


Chi è in cerca di musica che faccia muovere a tempo e contemporaneamente emozionare può cliccare sul Canale YouTube di Luca Guerrieri, dj producer italiano molto affermato in tutto il mondo quando si parla di house & dintorni. 
Cliccando su https://www.youtube.com/LucaGuerrieriDJ si entra in un universo sonoro fatto di ritmo, armonie e melodie. C’è un video report di Meet Music 2019; c’è “Flow”, uscita un paio d’anni fa su Syrup; c’è un particolare bootleg di “Vento D’Estate”, capolavoro di Niccolò Fabi e Max Gazzè… e da poche ore ci sono un sacco di nuovi video divertenti e/o tutti da ballare. C’è, ad esempio, il remix di Luca Guerrieri di un vero capolavoro: Nerio’s Dubwork meets Darryl Pandy – Sunshine and Happiness. E c’è pure un video dedicato al dj / speaker britannico Nick Grimshaw, in grande difficoltà nel pronunciare un nome italiano, Luca Guerrieri, che sembra fatto apposta per mettere in difficoltà chi è madre lingua inglese…
www.youtube.com/LucaGuerrieriDJ
MEDIA INFO, PHOTO HI RES LUCA GUERRIERIhttp://lorenzotiezzi.it/luca-guerrieri-dj/
BIOGRAFIA LUCA GUERRIERI
Luca Guerrieri è un dj e produttore toscano. In attività fin dal lontano 1995, vive e lavora a Follonica (GR), nel suo Double Vision Studio. Il suo sound è davvero difficile da definire, visto che attraversa tutti o quasi i diversi generi di musica elettronica. Ad esempio, nel 2019 è uscito il suo primo album, “It Never Ends”: tra le 15 tracce (9 inediti e 6 tra le più rappresentative della sua carriera) ci sono pure alcuni brani downbeat. L’album esce su Claps Records, label che Luca gestisce con l’amico Marco Roncetti. 
Tra le tante produzioni a suo nome vanno citate almeno “Tears” (suonata anche nel main stage del Tomorrowland) e “Harmony”, battezzata da Pete Tong nel suo programma su BBC Radio 1. La traccia per due settimane consecutive è stata al numero uno della Dance Chart, Flow ed è stata supportata da top dj come Tiesto, Chuckie, Sam Feldt, EDX… 
Negli anni Luca Guerrieri ha remixato brani di decine di artisti internazionali tra cui Bob Sinclar, Marshall Jefferson, Sidekick, Dirty Vegas, Watermat, Roland Clark, Ferreck Dawn, Rufus Du Sol, Ruffneck, Jutty Ranx, Crystal Waters, Jestofunk, CeCe Rogers, D.H.S, Darryl Pandy, Moony (…)
Ha poi dato notevoli frutti la lunga collaborazione di Luca Guerrieri con Federico Scavo. Tra le tante tracce di successo ci sono “Strump (Blow It)”, “Bug”, “Que Pasa”, “Balada”, “Funky Nassau”, “Parole Parole”, “Live Your Life (insieme a Barbara Tucker)” e pure alcuni dei più importanti remix di Scavo (ad esempio quelli di brani di Jovanotti e Boy George). Insieme a Shorty (Radio Deejay, m2o), Luca ha invece coprodotto “Canta Canta”, “Vazilando” ed “El Sonido”, mentre con Tommy Vee “Bang Bang” e “Press Play”. Un’altra collaborazione consolidata è quella con Alex Kenji con cui ha prodotto tanti brani tra cui “Funky Beats”, mentre con Fuzzy Hear ha realizzato a quattro mani “Disco Action”…
Tra i molti club internazionali in cui si è esibito citiamo almeno Privilege (Ibiza), Sankeys (Ibiza), Cielo (Dubai), Carrusel Club (Sofia), TQ Club (Sofia), Papaya Club (Zrce Beach – Croazia), Elephant Du Congo (Amsterdam), mentre in Italia ha fatto ballare Peter Pan, Cocoricò, Villa delle Rose, Tenax, Music On The Rocks,  Baia Imperiale e decine di altri club. E’ stato poi dj resident del Tartana (Grosseto) per ben 16 anni (dal 2000 al 2016), mentre dal 2011 al 2015 ha portato il suo sound al Setai (Bergamo). 
Luca Guerrieri nel 2017 ha fondato Meet Music, una convention totalmente gratuita che si tiene a Follonica durante l’ultima settimana di giugno. L’obiettivo è quello di aiutare chi si approccia alla musica a capire meglio la professione del dj, mettendo a disposizione l’esperienza di molti professionisti. Inoltre ha partecipato come docente per due anni allo Jagermeister / Jagermusic Lab italiano. 

/// from ltc lorenzo tiezzi comunicazione /// lorenzotiezzi.it: his res photos & infos /// please check alladiscoteca.com our clubbing blog /// +393393433962 ufficiostampa@lorenzotiezzi.it /// no spam: basta comunicati? rispondici stop (decreto legislativo n. 196/2003) ///

Luca Guerrieri.jpeg

Pelledoca Milano: arrivano pranzo (dal lun. e ven.) e cena (nel weekend)


Le restrizioni continuano e non farsi prendere dalla malinconia non è facile. Tuttavia i party Pelledoca torneranno… e nel frattempo almeno è possibile farsi venire l’acquolina in bocca. 
Ogni giorno, dal lunedì al venerdì, per il pranzo puoi comporre il tuo menù con i piatti dello chef del Pelledoca Milano. Menu completo, primo & contorno, secondo con contorno a prezzi vantaggiosi e con la qualità che tanti milanesi (e non) già conoscono bene. La selezione dei piatti disponibili è sulla pagina Facebook del locale – www.facebook.com/PELLEDOCAMILANO – ogni giorno in mattinata ed è possibile ricevere il pranzo dalle 12 alle 14:30. E che succede il venerdì e il sabato? Eccoci con la cena targata Pelledoca: si sceglie dal menu del locale e si ha pure in omaggio pure un dolce. 
Info e prenotazioni allo 02-7560225 – 3440338010
www.facebook.com/PELLEDOCAMILANO

/// from ltc lorenzo tiezzi comunicazione /// lorenzotiezzi.it: his res photos & infos /// please check alladiscoteca.com our clubbing blog /// +393393433962 ufficiostampa@lorenzotiezzi.it /// no spam: basta comunicati? rispondici stop (decreto legislativo n. 196/2003) ///

Pelledoca Mi .jpg